Skip to content

Come risparmiare sulla bolletta dell’energia elettrica e del gas con dei semplici accorgimenti?

Come risparmiare su luce e gas

Negli ultimi anni una domanda ricorrente quando si parla di immobili è come posso risparmiare su luce e gas, infatti la riduzione dei consumi energetici risulta essere un fattore di primaria importanza per abbattere le spese delle bollette dell’energia.

 

Per ottenere questo scopo si possono adottare diversi accorgimenti. Da un lato è possibile ottimizzare le performance del sistema di riscaldamento, dall’altro è necessario evitare sprechi energetici, ad esempio lasciando accese le luci nelle stanze vuote.

Un altro elemento fondamentale consiste nel limitare al minimo le dispersioni di calore, eliminando i ponti termici.

come posso risparmiare su luce e gas

Risparmiare sulle bollette di luce e gas

Per risparmiare sulla bolletta di luce e gas si possono adottare diverse soluzioni, che in molti casi assumono l’aspetto di semplici pratiche quotidiane.

Per risparmiare fino al 40% sulle bollette di luce e gas è possibile:

 

- usare lampade al LED e lampade fluorescenti compatte (CFL) al posto di quelle ad incandescenza.

Questi modelli si caratterizzano per avere consumi ridotti (fino al 75% in meno) e hanno una durata 10 volte superiore.

Al tempo stesso è bene preferire le soluzioni al LED se si accende e spegne in maniera frequente la luce perché non integra filamenti che possono essere danneggiati da questa pratica;

 

- installare sensori di presenza oppure interruttori intelligenti.

Nel primo caso le luci si accendono in maniera automatica se rilevano una persona nella stanza e si spengono quando non sono necessarie. Invece i sensori di luminosità consentono di regolare l’intensità della luce emanata in base alla quantità di luce naturale. In entrambi i casi si riducono i consumi energetici e si migliora il livello di comfort ambientale;

 

- adottare solo elettrodomestici a basso consumo, dotati di certificazione energetica A+ oppure superiore.

In alternativa si può optare per elettrodomestici con funzionalità smart e ad alta efficienza energetica. In secondo luogo è bene seguire gli accorgimenti consigliati dall’IMQ (Istituto italiano del marchio di qualità) sul corretto utilizzo dei dispositivi. In questo modo si può avere una gestione intelligente e performante degli apparecchi che garantisce una riduzione consistente dei consumi e l’eliminazione degli sprechi energetici;

 

- gestire la temperatura dell’abitazione in maniera intelligente.

Infatti la maggior parte delle spese energetiche riguardano le spese per il riscaldamento e il raffreddamento. Basta fissare la temperatura interna degli ambienti sui 18-19° per ottenere buoni risparmi. Inoltre si possono tagliare le spese annualmente di circa il 5-10% abbassando di appena un grado la temperatura ambiente. Un altro aspetto da tenere a mente è impostare una temperatura bilanciata tra quella esterna e quella interna;

 

- installare un sistema domotico per la gestione del riscaldamento e dell’impianto elettrico.

I risparmi che si ottengono in questo modo si attestano sul 30%. Una soluzione molto apprezzata è installare un cronotermostato Wi-Fi gestibile da remoto. In questo modo diventa possibile ottimizzare i consumi configurando l’impianto di raffrescamento e di riscaldamento utilizzando un dispositivo mobile, come uno smartphone oppure un tablet. Alcuni modelli integrano la funzione geofence basata sulla geocalizzazione del dispositivo mobile usato per gestire il raffrescamento e il riscaldamento degli ambienti. Grazie all’impianto domotico è possibile riscaldare, oppure rinfrescare soltanto alcune stanze dell’abitazione, impostare temperature diverse in base al periodo della giornata, oppure automatizzare lo spegnimento e l’accensione delle luci in base alla presenza di persone nella stanza;

Scopri la tecnologia domotica

 

- Eliminare i consumi legati alla funzione stand-by degli elettrodomestici.

Infatti, a differenza di quanto si pensa, anche i dispositivi in attesa di essere riaccesi consumano energia elettrica. Le spese legate alla presenza della spia rossa accesa sugli elettrodomestici possono portare ad una spesa mensile di circa 80 euro a famiglia. Si tratta di un vero e proprio spreco che deve essere eliminato, spegnendo sempre lo stand-by degli apparecchi elettrici. Per questo motivo è bene acquistare un modello che ha recepito la normativa dell’Unione Europea per ridurre gli sprechi energetici, cioè che sia dotato dell’eliminazione automatica dello stand-by. In alternativa, è possibile optare per un apparecchio con un interruttore meccanico, oppure semplicemente staccare la spina;

 

- Eliminare le dispersioni energetiche che avvengono attraverso i serramenti.

Infatti attraverso le porte e le finestre si possono avere perdite termiche che raggiungono persino il 15-20%, soprattutto se gli infissi non sono stati installati a regola d’arte. La presenza di ponti termici favorisce le dispersioni energetiche, provocando la diffusione all’esterno del calore prodotto dall’impianto di riscaldamento.

In secondo luogo è bene scegliere modelli a risparmio energetico, che consentono di massimizzare il comfort abitativo. Queste soluzioni in genere sono in pvc oppure prevedono l’abbinamento legno-alluminio per poter sfruttare le caratteristiche di entrambi i materiali. Tra i serramenti più performanti ci sono quelli che applicano tecnologie innovative, ad esempio i vetri selettivi a controllo solare. In questo modo si riesce a gestire la schermatura solare in base all’intensità dei raggi solari. Quindi si evita il surriscaldamento degli ambienti interni durante la stagione estiva e di dover aumentare i consumi energetici relativi al raffrescamento delle stanze.

Altri accorgimenti per mantenere la casa fresca e confortevole durante l’estate sono di abbassare le tapparelle (oppure chiudere le persiane) e applicare alle finestre tende di cotone chiaro per filtrare la luce del sole, anche le innovative tende a rullo sono una soluzione ottimale. Questa pratica può essere adottata in inverno durante le ore serali o quando si accende il sistema di riscaldamento per mantenere il calore all’interno della casa.

 

Condividi
Scroll To Top